DEMANIO – Rinnovo CCNL EPE 2019-2021

20 Dicembre 2022

                         

AGENZIA DEL DEMANIO
Rinnovo CCNL EPE 2019-2021

Lo scorso 14 Dicembre è stato sottoscritto dalle sigle sindacali rappresentative dell’Agenzia del Demanio, il CCNL EPE relativo al triennio 2019-2021.
Il Contratto che prevede, altresì, l’effetto “trascinamento” della parte economica per l’anno in corso ovvero l’erogazione dei relativi arretrati “stipendiali” per il quadriennio 2019/2022 sulla base di incremento lordo dipendente medio pari a circa € 100,00, ha previsto, con apposito verbale congiunto, anche l’erogazione al personale della indennità di vacanza contrattuale, a far data dal prossimo mese di Luglio 2023.
Tale indennità di vacanza contrattuale, elemento di novità per i lavoratori demaniali, costituisce mera anticipazione dei benefici economici complessivi che saranno erogati nel corso del prossimo rinnovo contrattuale triennio 2022-2024. E’ stato ritenuto infatti fondamentale dalle OO.SS. l’adozione di tale istituto, tra l’altro già contrattualmente inserito sin dalla nascita dell’Ente Pubblico Economico, in considerazione della attuale situazione economica generale ed in particolare per il forte aumento dei prezzi al consumo che colpisce i redditi dei lavoratori dipendenti.
Dal punto di vista normativo numerose sono le novità e l’implementazione di alcuni istituti contrattuali già esistenti.
Sarà sempre più frequente il confronto con l’Amministrazione in considerazione del nuovo assetto del sistema relazionale, per l’inserimento della contrattazione di primo livello ed integrativa nazionale che potrà affrontare temi quali i “profili professionali” ed i “percorsi di sviluppo”, il premio di risultato, le esigenze in tema di orario di lavoro e, non ultimo, forme alternative all’ordinario svolgimento della prestazione lavorativa (c.d. lavoro agile).
Non mancheranno, con il nuovo assetto, momenti di informativa e confronto su diversi temi di interesse per il personale.

Importanti ulteriori novità del CCNL:
• riconoscimento del tempo di viaggio/guida per le c.d. trasferte giornaliere;
• “spazio virtuale” sulla intranet aziendale della c.d. bacheca digitale sindacale finalizzata alla divulgazione di comunicati e pubblicazioni in materia;
• revisione dell’orario di lavoro, con una pausa pranzo maggiormente fruibile, fermo restando le attuali forme di flessibilità;
• incremento della fruizione della “Banca Ore” ed il riconscimento della maturazione delle ferie integralmente al 15° anno di servizio;
• incremento del PPM a 2 gg/anno;
• attivazione, entro il prossimo mese di Giugno 2023, del Comitato Paritetico di cui all’art. 52.

Le relative modifiche saranno attuabili a partire dal 1 Gennaio 2023 ovvero come da allegato n. 4 del contratto.
Complessivamente buono il risultato raggiunto da questa “sessione” di rinnovo contrattuale e da parte della CONFSAL – UNSA l’impegno, a partire dai primi mesi del nuovo anno, a “perseverare” nel riportare l’attenzione “datoriale” sulla valorizzazione di tutto il personale del Demanio.
L’Agenzia è infatti ciclicamente interessata da processi di cambiamento organizzativo in continua evoluzione ed ha sempre garantito il raggiungimento degli sfidanti obiettivi prefissati, raccogliendo sempre nuove sfide al passo con i tempi.
Ciò grazie a modalità organizzative e strumenti operativi di tipo “privatistico” che hanno permesso ai dipendenti di incrementare la propria professionalità ed esperienza nel settore della gestione, della razionalizzazione e, non ultima, della valorizzazione del patrimonio immobiliare dello Stato, anche in sinergia con gli Enti territoriali.
A parere della CONFSAL – UNSA è importante, tuttavia, che venga costruito un percorso di crescita professionale e stipendiale dei dipendenti con chiare regole, per consentire ai lavoratori tutti, la possibilità di guardare “oltre”.
Gli attuali ed i futuri stumenti contrattuali devono porsi l’obiettivo della più ampia valorizzazione delle risorse umane anche mediante una specifica formazione continua nonchè una trasparente “modulazione” dei percorsi di crescita legati a riconoscimenti della professionalità acquisita nel corso degli anni.
Necessaria, inoltre, una trasparente modalità di erogazione di tutte le premialità individuali.

Si dovrà tendere ad un vero e proprio “ordinamento professionale” che definisca i “percorsi di crescita” per tutta la “popolazione” aziendale, al fine di inquadrare correttamente tutte le risorse umane, le relative attività ed il rispettivo livello retributivo.
Per permettere la continua trasformazione dell’Ente, per ottenere un cambiamento e raggiungere i risultati di Convenzione con il MEF è infatti necessaria una concreta crescita professionale ed economica del lavoratore che abbinata alla formazione in itinere, consentirà all’Agenzia del Demanio di raggiugere, ancora una volta, importanti risultati e sfidanti traguardi.
Con i più cordiali saluti
(La delegazione trattante CONFSAL – UNSA Demanio Sempreboni – Santacroce)

Roma, 20 dicembre 2022

IL COORDINATORE NAZIONALE

AGENZIE FISCALI CONFSAL-UNSA

Valentino Sempreboni

 

 

Comunicato CCNL Demanio
Comunicato CCNL Demanio
comunicato-CCNL-Demanio.pdf
167.7 KB
77 Downloads
Dettagli
CCNL 2019-2021 Con Indice
CCNL 2019-2021 Con Indice
2022-14-12_-CCNL-2019-2021-con-indice-e-i-F.TO_.pdf
924.8 KB
554 Downloads
Dettagli