ENTRATE – Siglato accordo produttività…

2 Febbraio 2022

AGENZIA DELLE ENTRATE

SIGLATO ACCORDO ANTICIPO PRODUTTIVITA’, IN DIRITTURA D’ARRIVO INDENNIZZO PRESENZE 2020 E ACCORDO NAZIONALE MOBILITA’

 

In data 1° febbraio è ripresa l’attività negoziale del tavolo nazionale nel corso del quale si è discusso di diversi punti posti all’ordine del giorno.

ACCONTO SALARIO ACCESSORIO 2021

Come da consuetudine le parti negoziali, nelle more della costituzione del Fondo Risorse Decentrate per il 2021, si sono accordate per l’erogazione di un’anticipazione del compenso accessorio.

Le somme saranno erogate al personale in servizio nel 2021 secondo gli stessi criteri previsti per l’erogazione dell’indennità di Agenzia e secondo la scala parametrale riferita all’Area di appartenenza.

Atteso che occorre attendere il consolidamento del dato sulle presenze 2021, che il sistema informatico completerà intorno al mese di aprile, le somme saranno erogate presumibilmente entro il mese di giugno. Ci auguriamo, invece, che i lavori possano essere accelerati per una più sollecita erogazione dell’acconto.

MOBILITA’ NAZIONALE

La Parte Pubblica ha proposto al tavolo la sottoscrizione di un accordo per la mobilità nazionale redatto sulla falsariga dell’accordo sottoscritto nel 2018; anticipando qualche marginale modifica.

CONFSAL-UNSA ha, innanzitutto, rappresentato che talvolta questa procedura non ha soddisfatto le legittime aspettative dei lavoratori soprattutto rispetto ai posti disponibili. Abbiamo pertanto richiamato l’Agenzia ad una ampia riflessione in cui si tenga conto che:

  • In primo luogo occorre considerare che tanti colleghi in servizio stanno concorrendo, con esito positivo, alla selezione esterna per funzionario tributario in regione diversa da quella di attuale sede di servizio. Pertanto è assolutamente opportuno conoscere il numero dei dipendenti vincitori al fine di espungerli dalla graduatoria della mobilità per lasciare spazio a nuovi ingressi;
  • In secondo luogo occorre procedere prima ad una STABILIZZAZIONE DEI DISTACCHI, e poi alla MOBILITA’, per evitare che i colleghi che hanno maturato il diritto al distacco erodano posti dalla graduatoria della Mobilità Nazionale.

Quanto sopra per rendere effettivamente disponibili i posti in mobilità, in un numero assolutamente adeguato.

Nel contempo, anche alla luce delle nuove disposizioni contrattuali di primo livello (che saranno prossimamente vigenti), diventa necessario discutere sia del lavoro “agile” che del lavoro “da remoto” (nelle diverse forme compreso il coworking).

Quanto sopra nella consapevolezza che da epoca remota è stato chiesto di discutere, senza esito, sia di coworking, nazionale e territoriale, sia di lavoro agile, e questo nonostante, a nostro parere, vi fossero tutte le condizioni per “addivenire” ad accordi (basti pensare alla sperimentazione coworking in alcune regioni).

La predisposizione di nuove regole contrattuali e nello stesso tempo la redazione in corso del PIAO, come da obblighi normativi, pongono le condizioni, ora più che mai, perché si discuta ad ampio spettro della conciliazione vita – lavoro.

Quindi non si tratta solo di avere il tassello della mobilità, fondamentale perché atteso da tanti colleghi, ma l’Agenzia e le OO.SS. devono delineare una complessiva linea di azione che, attraverso i diversi temi, possa soddisfare al meglio le aspettative e le esigenze dei colleghi, a diverso titolo interessati.

Su questo aspetto non possiamo più aspettare e quindi l’aggiornamento del “tavolo” deve avere il fondamentale ed unico scopo di raggiungere il miglior risultato possibile su tutti questi temi.

Aspettiamo concreti risultati, in caso contrario sapremo rispondere adeguatamente.

INDENNITA’ ATTIVITA’ IN PRESENZA 2020

Con accordo sindacale del luglio scorso si stabilì di erogare un “ristoro” anche ai colleghi che nel 2020 avevano reso la prestazione lavorativa in presenza, perché assegnati ad attività indifferibili eseguibili solo sul luogo di lavoro, riservandosi di fissare i criteri in una successiva sede.

Nell’incontro di ieri l’Agenzia ha formulato una proposta che è stato oggetto di approfondimento al tavolo e che ha richiesto, altresì, un aggiornamento alla settimana prossima.

Diciamo subito, a scanso di equivoci, che la CONFSAL – UNSA ritiene che gli impegni profusi in piena pandemia, vuoi in lavoro agile, vuoi in presenza siano entrambi meritevoli di gratificazione ma nell’ambito di un principio di coerenza tra chi è stato obbligato a recarsi in ufficio e chi è stato obbligato al lavoro agile emergenziale.

Ricordiamo anche che i cosiddetti “ristori da smartworking”, dopo tanto parlare, non hanno in alcun modo soddisfatto i colleghi interessati per tutte le motivazioni note.

Lo stralcio, rispetto al complessivo Fondo 2020, deve tenere conto sia delle complessive risorse a disposizioni sia delle aspettative di alcune figure, in qualche caso possibili beneficiari di questa indennità aggiuntiva (gestori di rete, figure del settore Pubblicità Immobiliare e non solo), che già in epoca non sospetta chiedevano un aggiornamento delle voci accessorie. Tutto il sistema deve poter raggiungere un giusto equilibrio, nell’ambito dello schema complessivo del salario accessorio 2020, ancora da discutere.

A nostro parere non si tratta di semplici benefici, bensì di riconoscimenti “giusti” (e non si può in alcun modo parlare di indennizzo del rischio) che devono saper cogliere gli aspetti significativi e salienti della prestazione effettuata.

Quindi un importante esercizio negoziale che non termina con l’accordo stralcio, dovuto e necessario nel più breve termine possibile, ma dovrà trovare “compiutezza” allorquando si discuterà dell’intero sistema accessorio 2020.

Dispiace essere chiamati sistematicamente in causa da soggetti negoziali mentre l’attività di approfondimento al tavolo è in corso (sta diventando frequente).

Ma noi manteniamo la “barra dritta” in termini di interessi generali e valutazioni negoziali.

Altrimenti anche noi potremmo esercitarci nel famoso programma “+1 a prescindere”, sia con riferimento al beneficio di cui trattasi sia ritornando sui pregressi ristori.

L’attuale fase senz’altro lo giustificherebbe.

La fonte di finanziamento accessoria è unica e deve tenere in equilibrio “tutto e tutti”, nel contesto di una emergenza sanitaria ancora in essere.

Confidiamo che tutto il tavolo riesca come dire a “trovare la quadra”, per venire incontro ai colleghi che hanno reso la prestazione in presenza nell’anno 2020 per le attività indifferibili, sottoscrivendo il relativo accordo stralcio, così come ci auguriamo che quanto prima si discuta dell’intero Fondo 2020, in una annata “straordinaria” per la globale l’attività posta in essere dall’Agenzia delle Entrate.

VARIE – GREEN PASS UTENZA

Al termine della discussione dei punti all’ordine del giorno le OO.SS. hanno chiesto chiarimenti sul tema del controllo “GREEN PASS” all’utenza, opponendosi all’ipotesi che la certificazione venga controllata dai funzionari.

In ragione delle tante sollecitazioni periferiche nelle quali viene rappresentato che molti datori di lavoro stanno “massivamente” trasferendo l’incombenza ai lavoratori nonostante quanto espresso dal Protocollo anticovid, il “tavolo” ha sollecitato una ricognizione della Direzione del Personale affinché vi sia la massima aderenza ed uniformità applicativa al protocollo medesimo

Infine, CONFSAL-UNSA ha chiesto una riflessione orientata a prorogare la nota del 5 gennaio della Divisione Risorse ovvero drastico diradamento della presenza negli uffici nelle attuali condizioni di emergenza sanitaria.

L’approfondimento sui criteri di ripartizione dell’indennità di risultato per i funzionari titolari di Posizione Organizzativa di Elevata Responsabilità è rimandato al prossimo lunedì, cosi come il completamento relativo all’accessorio per le attività essenziali in presenza per l’anno 2020.

Vi terremo aggiornati.

LA DELEGAZIONE CONFSAL-UNSA (Sempreboni, Vitiello, Sorrentino)

Roma, 2 febbraio 2022

IL COORDINATORE NAZIONALE

Valentino Sempreboni

 

Notiziario Incontro 1 febbraio 2022
Notiziario Incontro 1 febbraio 2022
ent_20220202_notiziario_incontro_1feb.pdf
242.6 KB
46 Downloads
Dettagli