DOGANE e AAMS – Resoconto riunione del 18 Novembre

20 Novembre 2020

SETTORE AGENZIA DOGANE E MONOPOLI

Riunione del 18 novembre 2020
Incontro di carattere tecnico sull’incentivazione ai Colleghi
che si occupano di appalti

Si premette che, essendo stato certificato dagli organi preposti, l’accordo siglato il 22 settembre 2020, sarà pagato nel mese di dicembre l’importo residuo della performance 2018 (circa 150 euro pro-capite) e l’indennità di disagiata per i Colleghi delle sedi aventi diritto. Anche ai Dirigenti verrà pagata la quota relativa alla retribuzione di risultato e per incarichi ad interim. Nel mese di gennaio verranno, altresì, corrisposti gli emolumenti per le commissioni gioco.

La discussione sull’argomento del giorno, come da convocazione, è stata incentrata sulla bozza di “Regolamento per l’incentivazione delle funzioni tecniche” in base all’ art 113 del decreto legislativo 50/2016.

Il confronto ha riguardato molti degli articoli della bozza di Regolamento ed è emersa per la parte sindacale la necessità di avere diverse risposte ma non tutte sono state date e specificatamente quelle di competenza della Direzione Centrale del Personale, aspetto che ha dato all’incontro una modalità di confronto tecnico.

Il Responsabile di Amministrazione e Finanza, dott. Lo Surdo, ha ribadito che lo scopo del Regolamento è l’incentivazione delle funzioni tecniche, finora svolte senza alcun riconoscimento dai Colleghi coinvolti nella loro trattazione, e che quindi il documento in questione viene prefigurato in modo snello, lasciando alla normativa di riferimento, ovvero al “codice degli appalti” e relative pronunce giurisprudenziali, la delineazione esatta delle figure, delle attività da svolgere, delle responsabilità e di quant’altro prevedibile.

In pratica ad ogni gara di appalto, sia di lavori che di forniture e servizi, seguirebbe l’individuazione di un gruppo di lavoro, con formale atto del dirigente preposto, e che vedrebbe, di massima, coinvolti dalle quindici alle venti persone per espletare tutta la procedura. L’incentivazione economica per tali funzioni è legata alla percentuale del 2% dell’importo posto a base della gara.

La nostra Delegazione ha evidenziato, in merito, la necessità di una reale rotazione dei dipendenti incaricati, al di là delle figure tecniche imprescindibili, con la partecipazione anche di funzionari, laddove si renda necessario, degli Uffici delle Dogane e degli Uffici dei Monopoli oltre che degli uffici delle Direzioni Territoriali e di quelli Centrali. Necessiterà chiaramente una specifica formazione per tutti gli interessati. E’ stata richiesta, inoltre, la posizione dell’Agenzia in ordine all’eventuale partecipazione di alcune figure specifiche come le Poer e le P.O. data, all’attualità, l’onnicomprensività delle loro remunerazioni. E’ stata, poi, prospettata la necessità di procedere all’adozione del Regolamento, in prima battuta, in modalità “temporanea” al fine di garantire una sua successiva rivisitazione. In sostanza la scrivente O.S. ritenendo che il Regolamento mette in campo una previsione del tutto nuova e che disponendo incentivi e riconoscimenti economici esso risulta meritevole anche di successivo riesame circa l’impatto e la sua reale applicazione.

Si specifica che sono state presentate quale parte integrante della bozza di Regolamento tre tabelle che prevedono le percentuali di ripartizione tra i componenti del gruppo di lavoro in riferimento agli appalti di “servizi e forniture”, di “lavori senza collaudo statico” e di “lavori con collaudo statico”.

Ha costituito, poi, un aspetto rilevante della discussione la modalità di gestione delle somme destinate all’incentivazione, ovvero se le stesse possano essere riconducibili al fondo delle risorse decentrate con le possibili implicazioni di utilizzo per tutto il personale delle somme eventualmente non utilizzate nelle ripartizioni.

Punto importante del confronto, inoltre, ha riguardato la necessaria preventiva intesa tra OO.SS. ed Amministrazione in cui dovranno essere individuate e specificate le varie scelte in merito all’argomento in trattazione per tutte le varie implicazioni non rilevabili nel previsto Regolamento. Tale intesa deve, in definitiva, costituire la base contenente l’esplicitazione delle varie situazioni e previsioni per un inquadramento completo del Regolamento e quindi si è ribadito che l’ adozione del Regolamento non può che essere strettamente collegata ad un accordo tra Amministrazione e OO.SS. Nazionali.

L’Amministrazione si è riservata di valutare la percorribilità e fattibilità delle istanze rappresentate e da rivedere nell’ambito di una nuova convocazione.

Roma, 19 Novembre 2020

LA DELEGAZIONE CONFSAL-UNSA (Veltri, Eremita, Lamberti)

ADM Riunione Del 18nov20
ADM Riunione Del 18nov20
ADM_riunione-del-18nov20.pdf
133.7 KB
31 Downloads
Dettagli