AGENZIE FISCALI – Sulle Convenzioni 2023 / 2025 MEF – AdE e ADM – “Se son rose, fioriranno”

2 Agosto 2023

AGENZIE FISCALI

 Sulle Convenzioni 2023 / 2025 MEF – Ade e ADM

Se sono rose fioriranno

Con precedente nota (1.08.2023) abbiamo informato circa l’intervento del Coordinatore Nazionale al tavolo delle Convenzioni 2023 – 2025 tra MEF e le due Agenzie Fiscali.

In estrema sintesi l’UNSA ha chiesto sul piano politico:

  • un rafforzamento del modello delle Agenzie Fiscali;
  • un ulteriore incremento di personale per l’Agenzia delle Entrate fino al raggiungimento della pianta organica di oltre 43.000 unità, come da Regolamento di Amministrazione;
  • una forte implementazione dell’organico dell’Agenzia delle Dogane e Monopoli, con l’innalzamento della cosiddetta pianta organica In Regolamento, in grado di “supportare” adeguatamente la riorganizzazione in atto;
  • l’eliminazione del “doppio taglio” del salario accessorio con intervento normativo sulle vigenti disposizioni, in particolare sul D.Lgs 157/2015;
  • la massima attenzione per tutto il territorio nazionale, a presidio della legalità fiscale e dei traffici, in ragione dei nuovi compiti richiesti alle due Agenzie;
  • forte attenzione nei rapporti con il “partner tecnologico” (SOGEI) a supporto dell’attività operativa delle due Agenzie;
  • investimenti nella “logistica” per superare le criticità osservate in diversi uffici, anche sul piano dell’impiantistica;
  • rafforzamento del modello organizzativo, in applicazione delle regole contrattuali, con soluzione definitive sulla dirigenza e sui funzionari, in ossequio alla valorizzazione dei percorsi di crescita economica e professionale.

Quanto sopra rispetto ad un intervento articolato ed approfondito.

Il Vice Ministro Leo ha innanzitutto riferito sulla necessità/opportunità di valorizzazione del capitale umano anche attraverso una formazione che sarà strutturale per tutti i livelli, con la collaborazione della SNA.

L’Agenzia delle Dogane e Monopoli è oggetto di una complessiva “reingegnerizzazione”, mentre in materia di salario accessorio, sia il Vice Ministro Leo che i Direttori delle Finanze e delle due Agenzie (Spalletta – Ruffini – Alesse) hanno mostrato consapevolezza circa la forte criticità in atto che sostanzialmente lede il modello “obiettivi – incentivazione”, frutto della perdita della specificità contrattuale e non solo. A settembre si apre un tavolo tecnico per l’individuazione di soluzioni specifiche.

Il progetto di “Riforma Fiscale”, che si avvia alla definitiva approvazione parlamentare per poi passare alla fase dei decreti attuativi, dedicherà necessariamente attenzione alla macchina fiscale.

Importante il rafforzamento di percorsi per l’accesso alla dirigenza, con la massima attenzione al personale in servizio che deve poter avere opportuni sbocchi, così come sarà necessaria una migliore delineazione dei percorsi di sviluppo economico e professionale per il personale.

L’aver ripreso una linea di indirizzo che nei primi anni delle Agenzie Fiscali, ha visto lo svolgimento dello strategico tavolo politico delle Convenzioni ad inizio d’anno (aprile – maggio) è sicuramente importante, perché rimette al centro lo strumento convenzionale nell’ambito del rapporto politico con le Amministrazioni.

Un “respiro” di legislatura lascia intendere che vi sono tutte le condizioni, temporali e di indirizzo, per avviare, finalmente, quel processo di intervento volto a consolidare e valorizzare la macchina fiscale.

Se sono rose fioriranno.

Roma, 2 agosto 2023

IL COORDINATORE NAZIONALE

Valentino SEMPREBONI

 

AF Convenzioni 2023 Valutazione Esito
AF Convenzioni 2023 Valutazione Esito
AF_Convenzioni_2023_Valutazione_esito.pdf
183.3 KB
82 Downloads
Dettagli